La piccola eroina

Fuma nervosamente, con il fare di chi è già alla quarta o quinta sigaretta, nonostante siano solo le otto del mattino.

Ho anticipato orario di lavoro e quindi ho cambiato treno: all’arrivo a Millemondi non c’è più il siparietto di viaggiatori in entrata; ora c’è solo lei.

Il treno arriva, si aprono le porte, lei getta la sigaretta tra i binari, aspetta con ansia la discesa dei viaggiatori in arrivo e poi sale.

Ogni giorno. E ogni giorno ha fretta. Più fretta di qualunque altra viaggiatrice. Perché lei è una viaggiatrice speciale: una viaggiatrice immobile.

Sale sul treno a Millemondi alle 8.32. Scende dal treno (presumibilmente) alle 8.44, sempre a Millemondi.

Dopo quel quarto d’ora scarso, i vagoni sono puliti e confortevoli (ed è uno dei pochi treni in cui è davvero così), mondati di qualsiasi flatulenza, liquido o scarto che i corpi umani sono stati in grado di generare il giorno precedente.

Un’altra piccola eroina di questa nazione.

Un pensiero su “La piccola eroina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*